YDS İtalyanca Çıkmış Okuma Parçaları Soruları Çöz 2

YDS İtalyanca Çıkmış Okuma Parçaları Soruları Çöz 2

Tebrikler - YDS İtalyanca Çıkmış Okuma Parçaları Soruları Çöz 2 adlı sınavı başarıyla tamamladınız. Sizin aldığınız skor %%SCORE%% en yüksek skor %%TOTAL%%. Hakkınızdaki düşüncemiz %%RATING%%
Yanıtlarınız aşağıdaki gibidir.
Soru 1

“Salvaciclisti” è un manifesto della sicurezza che parte dal web per salvare i ciclisti dai tir, dagli incroci pericolosi e dagli automobilisti disattenti. Contiene otto punti in cui si chiedono un’indagine nazionale sul numero dei ciclisti in Italia e su quanti incidenti li vedono coinvolti, e sponsorizzazioni per la creazione di nuove piste ciclabili. Molte le critiche sul web negli ultimi giorni nei confronti dell’amministrazione torinese, che ancora non aveva aderito alla campagna, mentre a Milano il sindaco aveva già organizzato un convegno sul tema. Proprio oggi invece, il sindaco di Torino conferma l’adesione della città alla campagna “Salvaciclisti”. Secondo il sindaco torinese tra gli obiettivi più importanti ci saranno quello di mettere al primo posto la sicurezza stradale e la tutela dell’ambiente, affinché Torino sia una capitale del muoversi bene; per raggiungere questo risultato, saranno indispensabili il raddoppio delle stazioni di bike sharing e il raddoppio dei percorsi adibiti a piste ciclabili. Intanto la protesta dei ciclisti non si ferma. È nato ieri un nuovo blog che pubblica le foto delle automobili parcheggiate sulle piste ciclabili.

Che cosa è “Salvaciclisti”?

A
È una manifestazione organizzata dai ciclisti.
B
È un documento creato allo scopo di informare i ciclisti distratti.
C
È una pubblicità per diffondere l’interesse per la bicicletta
D
È un provvedimento per la sicurezza stradale dei conducenti di autoveicoli.
E
È un documento preparato a tutela dei ciclisti.
Soru 2

“Salvaciclisti” è un manifesto della sicurezza che parte dal web per salvare i ciclisti dai tir, dagli incroci pericolosi e dagli automobilisti disattenti. Contiene otto punti in cui si chiedono un’indagine nazionale sul numero dei ciclisti in Italia e su quanti incidenti li vedono coinvolti, e sponsorizzazioni per la creazione di nuove piste ciclabili. Molte le critiche sul web negli ultimi giorni nei confronti dell’amministrazione torinese, che ancora non aveva aderito alla campagna, mentre a Milano il sindaco aveva già organizzato un convegno sul tema. Proprio oggi invece, il sindaco di Torino conferma l’adesione della città alla campagna “Salvaciclisti”. Secondo il sindaco torinese tra gli obiettivi più importanti ci saranno quello di mettere al primo posto la sicurezza stradale e la tutela dell’ambiente, affinché Torino sia una capitale del muoversi bene; per raggiungere questo risultato, saranno indispensabili il raddoppio delle stazioni di bike sharing e il raddoppio dei percorsi adibiti a piste ciclabili. Intanto la protesta dei ciclisti non si ferma. È nato ieri un nuovo blog che pubblica le foto delle automobili parcheggiate sulle piste ciclabili.

Che cosa viene richiesto nel “Salvaciclisti”?

A
Di sensibilizzare i cittadini all’uso della bici piuttosto che dell’auto.
B
Di fare delle indagini per verificare il numero dei morti per incidenti dovuti alle piste ciclabili.
C
Di compiere indagini di mercato per trovare degli sponsor a favore di questo sport.
D
Indagini atte a verificare le possibilità di diffondere la passione per il ciclismo attraverso la pubblicità.
E
Di migliorare le condizioni delle città italiane a favore di chi va in bici, aumentando il numero delle piste
Soru 3

“Salvaciclisti” è un manifesto della sicurezza che parte dal web per salvare i ciclisti dai tir, dagli incroci pericolosi e dagli automobilisti disattenti. Contiene otto punti in cui si chiedono un’indagine nazionale sul numero dei ciclisti in Italia e su quanti incidenti li vedono coinvolti, e sponsorizzazioni per la creazione di nuove piste ciclabili. Molte le critiche sul web negli ultimi giorni nei confronti dell’amministrazione torinese, che ancora non aveva aderito alla campagna, mentre a Milano il sindaco aveva già organizzato un convegno sul tema. Proprio oggi invece, il sindaco di Torino conferma l’adesione della città alla campagna “Salvaciclisti”. Secondo il sindaco torinese tra gli obiettivi più importanti ci saranno quello di mettere al primo posto la sicurezza stradale e la tutela dell’ambiente, affinché Torino sia una capitale del muoversi bene; per raggiungere questo risultato, saranno indispensabili il raddoppio delle stazioni di bike sharing e il raddoppio dei percorsi adibiti a piste ciclabili. Intanto la protesta dei ciclisti non si ferma. È nato ieri un nuovo blog che pubblica le foto delle automobili parcheggiate sulle piste ciclabili.

A cosa occorre dare priorità per rendere Torino una città con una buona viabilità?

A
Ad accrescere le proteste dei ciclisti, costruendo strade più comode
B
Alla sicurezza delle strade, limitando la circolazione dei ciclisti.
C
Al raddoppio del numero delle biciclette, in modo da far diminuire gli incidenti stradali.
D
Alla sicurezza delle strade, tenendo conto dell’ambiente.
E
Alla costruzione di più piste ciclabili per favorire il parcheggio delle auto
Soru 4

“Salvaciclisti” è un manifesto della sicurezza che parte dal web per salvare i ciclisti dai tir, dagli incroci pericolosi e dagli automobilisti disattenti. Contiene otto punti in cui si chiedono un’indagine nazionale sul numero dei ciclisti in Italia e su quanti incidenti li vedono coinvolti, e sponsorizzazioni per la creazione di nuove piste ciclabili. Molte le critiche sul web negli ultimi giorni nei confronti dell’amministrazione torinese, che ancora non aveva aderito alla campagna, mentre a Milano il sindaco aveva già organizzato un convegno sul tema. Proprio oggi invece, il sindaco di Torino conferma l’adesione della città alla campagna “Salvaciclisti”. Secondo il sindaco torinese tra gli obiettivi più importanti ci saranno quello di mettere al primo posto la sicurezza stradale e la tutela dell’ambiente, affinché Torino sia una capitale del muoversi bene; per raggiungere questo risultato, saranno indispensabili il raddoppio delle stazioni di bike sharing e il raddoppio dei percorsi adibiti a piste ciclabili. Intanto la protesta dei ciclisti non si ferma. È nato ieri un nuovo blog che pubblica le foto delle automobili parcheggiate sulle piste ciclabili.

Perché si sono avute reazioni sul web?

A
Perché mentre a Milano si erano già organizzati per partecipare alla campagna, a Torino non c’erano iniziative
B
Perché tra Torino e Milano c’è grande competizione
C
Perché Torino non aveva aderito all’invito della città di Milano.
D
Perché Milano aveva organizzato un convegno senza comunicarlo a Torino.
E
Perché Torino non aveva organizzato una manifestazione per festeggiare i ciclisti.
Sınavı tamamlamak için butona tıklayınız, yanlışlarınız gösterilecektir. Sonuçları al.
4 tamamladınız.
Liste
Geri dön
Tamamlananlar işaretlendi.
1234Son
Geri dön

Bir cevap yazın

E-posta hesabınız yayımlanmayacak.